Un’altra primavera chissà quando verrà


20121209-200938.jpg

I compagni di strada possono essere pesanti come zavorre o solidi come bastoni su cui appoggiarsi quando la strada è in salita. Possono neutralizzare la tua allegria e buona volontà come renderti piacevole anche i soccorsi più ingrati. Oggi ho lavorato con Francesco, in due tanto per cambiare, chè tanto finché non ci scappa il morto l’azienda continua a farci rischiare ogni giorno. È andata bene anche stavolta. Anche perché appena salita in macchina (brrr, temperatura polare) Francesco ha intonato “Erba di casa mia” di Massimo Ranieri. Siamo arrivati trionfanti in mezzo ai palazzoni della Magliana intonando a squarciagola:
Ma un’altra primavera
chissà quando verrà
per questo dalla vita
prendo quello che da
amare un’altra volta
ecco cosa farò
m’illuderò che sia
erba di casa mia
Quanta emozione
un calcio ad un pallone
tu che dicevi piano
amore mio ti amo
Ma la vita è questa
sembra uno strano gioco
da equilibrista
sempre più in alto
e poi un bel mattino
ti svegli con la voglia
di ritornar bambino.
Che vi devo dire, ha fatto meno freddo

3 thoughts on “Un’altra primavera chissà quando verrà

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...